Le impressioni dei fan sulla tournèe “Cyrano de Bergerac”: cosa ne pensa il pubblico?

| Resoconto di Alessia : Cyrano De Bergerac 15/12/2012 PISA

” Ciao a tutti, mi trovo abbastanza in difficoltà a trasmettere su carta le emozioni si provano a vedere uno spettacolo come quello del Cyrano! Ormai seguo la carriera di Alessandro da molto tempo e trovo che il talento e la versatilità di questo attore siano doti che più che mai si riconoscono a teatro. Con il Cyrano in molti si sono dovuti ricredere proprio perché secondo me la bravura viene messa in discussione e si lascia lo spazio alla trasformazione completa dell’attore. Avevo letto a suo tempo il libro e l’avevo trovato fin da subito molto divertente e molto cinico allo stesso tempo. Avevo anche visto la rilettura di Baricco su youtube e avevo intravisto qualche piccolo estratto dal film interpretato da Depardieu! Non si possono fare confronti poiché sarebbe stato banale e soprattutto ingiusto ma mi sono resa conto fin da subito il perché questa commedia riscuotesse successo ancora oggi. La bruttezza, l’inadeguatezza dell’uomo, il tema dell’amore non corrisposto..sono tutti temi che in parte riguardano ognuno di noi e che ognuno riesce a vivere e sentire in mille modi. Ne ha parlato tante volte anche lo stesso Preziosi ma credo che la rinterpretazione di quest’aspetti abbia avuto una trattazione molto efficace e soprattutto non troppo malinconica. Avevo visto lo spettacolo anche a Firenze e ne ero rimasta soddisfatta. Ieri sera a Pisa però ho potuto assistere ad un interpretazione veramente bella. Bella, nel senso stesso del termine. Credo che Preziosi abbia indossato le vesti di questo personaggio nel migliore dei modi, riscoprendone anche degli aspetti che ad una veloce lettura sfuggono. Per chi non conosce Cyrano sarebbe complicato apprezzarne fino in fondo la sua “spettacolarità” ma credo che questo spettacolo possa aiutare e anche di molto a trasmettere quello che è il suo disagio e la sua abilità di parola. In Cyrano ho ritrovato l’aspetto giocoso, il tono allegro e sfacciato la sua estrema capacità di “tirare di spada” e il suo grande romanticismo. Preziosi, secondo me, è riuscito a riportare sulla scena un personaggio capace di far sorridere, pensare e coinvolgere. Colpisce molto la versatilità con la quale riesce a cambiare voce, modulazione e tono a seconda delle esigenze. Si notano molto anche i movimenti “danzanti” degli attori e lo spettacolo non accenna mai ad avere movimenti di pausa anzi il ritmo diventa sempre molto incalzante ed intenso. Non so dire se questa interpretazione sia la migliore ma so per certo che l’ho trovata “una delle migliori”. Un plauso meritato va anche ai ragazzi che accompagnano Alessandro nella messa in scena. Li ho trovati molto migliorati e soprattutto molto più coinvolgenti di quanto non lo fossero stati a Firenze. Spesso vengono un po’ ignorati ma credo che sia giusto riconoscere il loro impegno e la loro passione. Mi Auguro che chi avrà l’occasione di poterlo vedere ne apprezzi le capacità, l’entusiasmo e la passione. Ogni tanto credo sia giusto andare al di là della bellezza esteriore e cercare di capire ciò che si vuol far arrivare al pubblico. Ad Alessandro credo sia superfluo fare complimenti. E’indubbia la sua bravura e spero che questo spettacolo possa essere uno delle tante “esperienze di vita e di lavoro” che lo possano arricchire oggi rendendolo migliore nel prossimo futuro. Un abbraccio a tutti! “

| Resoconto di Beatrice : Cyrano De Bergerac 8/01/2013 GORIZIA

“E’ stato bellissimo, mi sono emozionata tantissimo uno di quei momenti da ricordare per tutta la vita… Ale non è entratro subito in scena, ma io ho riconosciuto la sua voce che proveniva da dietro le quinte…e dal momento che è apparso non gli ho tolto lo sguardo per un’attimo, lui con la sua passione, bellezza e bravura.. ad un certo punto era come se mi guardasse, io avevo i brividi.. (è un orgoglio per il nostro Paese.. non molti svolgono il suo lavoro con tanta dignità, passione e bravura…soprattutto al giorno d’oggi.)   Alla fine dello spettacolo sono riuscita a farmi fare un’autografo che mi ha pure personalizzato è stato carinissimo, dolcissimo… poi mi ha toccato il mio nasino e mi ha detto e “te piccoletta”. IO che avevo il cuore in gola e lui che mi guardava con quei suoi occhi…insomma ero in paradiso. Comunque ho realizzato il mio sogno di vederlo…e sono stra felice! Questa è la mia esperienza !

| Resoconto di Laura : Cyrano De Bergerac 14/12/2012 PISA

“Premettendo il fatto che sono una grande fan di Alessandro, sin dalla più tenera età (avevo a malapena sei anni quando iniziò a fare “Vivere” e già lo guardavo lì incantata). Di lui ho conservato foto, articoli di giornale, posters…insomma, tutto! Ma non avevo mai avuto modo di vederlo da vicino. beh, però ho immaginato questo momento per ben 14 anni, figurati quando ho scoperto che una tappa del Cyrano era Pisa …un infarto! Per mesi ho avuto diverse aspettative, mi chiedevo come sarebbe stato, pensavo deludente. Quando il sipario si è aperto ho già capito che mi sarebbe piaciuto, quando il Cyrano è entrato in scena ero completamente estasiata. Sono state due ore intense e veloci, ho seguito tutto senza quasi respirare. Beh, Alessandro è…divino! Una tenuta scenica pazzesca, cambia voce in continuazione, salta, canta, ti tiene sulle spine. Il finale è stata la scena che più ho preferito, non mi sono sentita spettatrice bensì parte dello spettacolo. Beh, la parte più bella è arrivata dopo, però. Non poteva mancare un autografo, no? Aveva corso tutta la sera su quel palco, mi aspettavo che ci mandasse via perchè era stanco. E mi sbagliavo! Non solo mi ha fatto l’autografo  ma mi ha anche dato un bacio sulla guancia! beh, una esperienza unica, uno spettacolo unico, un’attore unico…VOTO DIECI E LODE!”

| Resoconto di Franca : Cyrano De Bergerac 5/02/2013 ROMA

“Come promesso eccomi qua ha raccontarvi il mio Cyrano…lo spettacolo è strepitoso, Alessandro è fantastico io non l’avevo mai visto a teatro è stata la prima volta, ma devo dire che è travolgente (anche se non avevo dubbi), si è sentita prima la sua voce, e dopo qualche secondo è entrato in scena, io avevo accanto la mia amica, praticamente gli ho massacrato un braccio stringendoglielo, talmente ero emozionata. Il suoi cambiamenti di voce, il suo modo di muoversi, e tutti gli attori che recitavano con lui sono bravissimi, i cambiamenti di scenografia, sono stati tutti bravissimi, ma non voglio raccontare tanto per non togliere la sorpresa a chi dovrà andarlo a vedere.                                                                                                                                                                                                                            Devo dire che il tempo è volato e all’ultima scena ho pensato: “No è già finito!!”. Alla fine siamo uscite io, la mia amica che tra l’altro è incinta di 7 mesi e la ragazza di mio figlio e siamo andate dove uscivano gli artisti, in un attimo sono arrivati molti fans, come si è aperta la porta ci siamo infilati tutti, era molto stretto, ma alla fine Alessandro è uscito salutando tutti,ma quando ha visto la mia amica con il pancione l’ha fatta mettere da una parte è andato a salutare gli altri e poi è ritornato da noi, ci ha chiesto di aspettare un attimo, è uscito con il suo cappello e mi ha fatto l’autografo sulla sua foto,abbiamo fatto le foto con lui e ha chiesto per cortesia di non metterle su facebook, è uscito con noi, ha salutato altre persone che erano fuori ed è andato via con il mio sguardo che lo seguiva. E’ stato veramente disponibile, è veramente un GRANDE! Bellissima Serata da non dimenticare!”

| Resoconto di Alice : Cyrano De Bergerac, ROMA

“Sono trascorse ormai tre settimane dal giorno in cui ho avuto l’onore di assistere ad un meraviglioso spettacolo: il “Cyrano de Bergerac”. È stata un’emozione immensa, assoluta; ancora oggi sento in me l’eco delle straordinarie sensazioni provate a tale visione.

Interpretazione magistrale quella di Alessandro Preziosi: mi rincresce dover precisare che pochi sono a conoscenza che lui deve la sua carriera al teatro. È ovvio che le porte del successo gli si siano spalancate grazie a fiction e serie tv trasmesse dal piccolo schermo, o a film diretti da grandi registi, ma è nel teatro che è nato il suo talento. Tale è la sua capacità di intrattenere il pubblico e indiscutibile la sua esperienza nel calarsi ogni volta in personaggi sempre diversi, che lo considero uno tra i migliori attori che l’Italia vanta oggigiorno. Inoltre, tutto ciò gli ha permesso di prendere le redini della scena e di assumersi il ruolo, nonché la responsabilità, di regista.

Per quanto riguarda le scelte registiche non c’è che dire: è stato sorprendente. Prima di tutto ha avuto il coraggio di togliere una volta per tutte il famoso “naso”. Come ha ben spiegato in varie interviste, per interpretare il Cyrano non è necessario indossarne il naso: lo spettatore è in grado di immaginarsi il naso, di percepirlo anche senza vederlo, concependo così il senso profondo dell’inadeguatezza vissuta dal guascone, non tanto a livello fisico, quanto più a quello morale. Il bel Preziosi è riuscito a far vedere il “fatidico naso” senza farlo comparire: ha creato un perfetto gioco di illusione. Riguardo al testo, la traduzione fantastica attuata dal suo amico Tommaso Mattei ha reso fluida, scorrevole, divertente, nonché drammatica, ma soprattutto comprensibile l’intera rappresentazione e il complicato intreccio. La prosa alternata al verso ha fatto sì che la poeticità impressa nell’opera risultasse ancora più evidente. La poesia stessa è diventata protagonista indiscussa del componimento: Cyrano non è altro che il migliore strumento per dar voce alla romantica Poesia. Rossana, personaggio di tutto rispetto nonché di straordinaria bellezza, non può coronare l’amore di suo cugino, poiché non è all’altezza della Poesia: essa è l’unica a possedere Cyrano. Cristiano in tutto ciò è il perfetto burattino che non sa né amare né immaginare la potenza della Poesia in mano, anzi in bocca, a Cyrano. Davvero ottima la scelta dell’attore danese, oltre tutto molto bravo, che grazie alla sua pronuncia particolare rende ancor più esplicita la difficoltà nel comunicare chi lui stesso sia e di chi sia innamorato. Come ben dice Alessandro Preziosi, il “Cyrano” è il dramma dell’inadeguatezza, più morale che fisica: Cristiano non sa farsi amare per quello che è, Rossana non è in grado di capire chi ama, Cyrano non è capace di accettare sé stesso e non permette nemmeno di farsi accettare dagli altri. Questo messaggio è apparso molto chiaro nello spettacolo a cui ho assistito. Grandioso tutto il resto della compagnia che è sinceramente all’altezza del neo – regista. Altrettanto perfetti i costumi, ma soprattutto la scenografia: semplice, essenziale, ma completa ed efficace. Sempre la stessa ma ogni volta diversa. Ho apprezzato in particolare la resa del sangue dei soldati massacrati avvenuta tramite un telo illuminato da una luce rossa: è stato il momento più intenso di tutta la rappresentazione. Sceneggiatura altrettanto fantastica, soprattutto per quanto riguarda i combattimenti e la famosa scena del balcone. L’unico difetto riscontrato è la musica. Da musicista mi sento in dovere di porre una lieve critica: ho gradito il sottofondo coinvolgente che accompagnava i colpi di spada, ma ho travato del tutto inadatta la scelta di pezzi moderni e in nessun modo contestualizzabili all’ambientazione.

Ottima presenza scenica di Preziosi. Ero sicura che un attore bravo come lui non mi avrebbe delusa, ma non mi sarei mai aspettata di trovare un artista così completo. Ha una poliedricità pari a quella di Ulisse. Non solo è in grado di calarsi in personaggi svariati e diversi l’uno dall’altro, ma lo stesso Cyrano sembrava avere mille facce. Veramente un attore dalle infinite risorse. Impressionante la maestria con cui sa cambiare voce! La mia scena preferita, non considerando naturalmente quella finale, è stata quella in cui Cyrano doveva intrattenere il signore, che pretendeva la mano della bella Rossana, affinché sua cugina e il suo amato si sposassero indisturbati. Cyrano si improvvisa un uomo venuto dalla luna e Alessandro mi ha incantato con la sua voce: ha assunto un timbro e un modo di parlare che sembrava veramente un uomo venuto dallo spazio. Anche le posizioni e i comportamenti assunti facevano pensare ad una creatura non terrena. Ha sfoggiato qualità tipiche da cabarettista che non gli avrei mai attribuito. Per non parlare dell’ultima scena: incantevole. Un susseguirsi di drammaticità alternata da comicità, il tutto accompagnato da una fine ironia. È riuscito a interpretare un personaggio che non cede nemmeno davanti alla morte: Cyrano combatte in piedi menando colpi non tanto con la spada, quanto con la sua arma preferita, l’anima da poeta. Chi avrebbe il coraggio di sfidare, di ridere in faccia alla morte, ridicolizzandola e facendola sentire inferiore per il fatto che, nonostante sia destinata a vincere insieme a tutti i grandi nemici di Cyrano, lei non possiede ciò che lo rende più fiero di chiunque altro: il suo pennacchio bianco. Un dramma che scivola via con leggerezza e che, grazia all’ultima battuta, si conclude con un sorriso, con una comicità legata ad una sottile ironia: solo un attore di elevato spessore può chiudere in un unico corpo, in una sola anima, nel medesimo istante dramma e comicità con così grande eleganza e destrezza. Questo grande attore si chiama Alessandro Preziosi.  Alice”

| Resoconto di Aglaé : Cyrano De Bergerac AGRIGENTO

Ho assistito con molto piacere e tanta emozione alla visione dello spettacolo e all’incontro organizzato con il pubblico.

Sono le 18:00 in punto , piove e mi trovo nel foyer del Teatro Pirandello, è qui che si svolge l’incontro con gli studenti . Già all’ingresso noto alcune classi di alunni di scuola media , dentro oltre ad alcune classi di liceo,  Alessandro sta parlando con i giornalisti.

Io e la persona che è venuta con me prendiamo posto tra le scolaresche e i loro insegnanti ….. è una serata “vivace” un foyer “vivace” ! Le telecamere riprendono parte dell’incontro , si parla del mestiere dell’attore , di teatro e di Cyrano .

Alessandro ha presentato gli attori della compagnia , che ha coinvolto anche con alcuni interventi .

Segue  la rappresentazione teatrale . . . In Cyrano è evidente la sfera dei sentimenti, la temerarietà , la drammaticità della sua fiera esistenza , vissuta all’insegna del non piegarsi mai alla mediocrità e alle convenienze costi quel che costi . Cyrano ammirato e temuto per la sua infallibile spada e per i suoi motti spiritosi e taglienti, essendo afflitto da un naso mostruoso non ha il coraggio di manifestare alla cugina Rossana il suo amore per lei . Dall’irresistibile e vitale creatività egli ama mettere in ridicolo i suoi nemici con la straordinaria abilità della spada, leggendaria almeno quanto la lingua , tra trovate comiche e giochi di parole , raggiungendo le vette più alte della poesia. In Cyrano vi è la forza eroica e la dignità di un personaggio che affronta la morte a testa alta , da guascone , un’incapacità di amare vista dal punto di vista dell’inadeguatezza , l’epicità di sentimenti come l’amore , l’amicizia,  la coerenza delle scelte ….Cyrano è spavaldo , è un burattinaio.       In questa rivisitazione acquista profondità : la bruttezza non è più estetica ma morale . Cyrano deve fare i conti con una realtà dura , con i giudizi della società , con il mondo che non accetta i difetti e le differenze e rende brutti gli animi.

Ringrazio di cuore Alessandro per essere stato qui , Agrigento ti aspetta sempre , torna ancora !”

Resoconti tratti dalla nostra pagina Facebook, un ringraziamento particolare a tutti gli utenti che hanno voluto condividere con noi le loro impressioni.

————————————————————————————————————–

FAN’S IMPRESSIONS : What the public thinks about “Cyrano de Bergerac” ?

| Report of Alessia: Cyrano De Bergerac 15/12/2012 PISA

“Hello everyone, I am quite difficult to convey on paper the emotions you try to see a show like that of Cyrano! By now I’m the career of Alexander for a long time and I find that talent and versatility of this actor are qualities that more than ever we recognize in the theater. With Cyrano many have had to think again because I think the skill is questioned and makes room for the complete transformation of the actor. I had read at the time the book and I immediately found a lot of fun and very cynical at the same time. I also saw the re-reading of Baricco on youtube and I saw a few small excerpt from the film starring Depardieu! You can not make comparisons because it would have been trivial and especially unfair but I realized immediately why this play successfully shaken up today. The ugliness, poor man, the theme of unrequited love .. are all issues that relate in part each of us and that everyone can live and feel in many ways. He has spoken many times also the same but I think Precious rinterpretazione of quest’aspetti had a discussion very effective and especially not too sad. I saw the show in Florence and I was left satisfied. Last night in Pisa but I am treated to a really nice interpretation. Bella, in the sense of the term. I think Precious has worn the garments of this character in the best way, rediscovering aspects as well as a quick escape reading. For those unfamiliar with Cyrano would be difficult to appreciate the way his “spectacular” but I think this show will help a lot and also to convey what is his discomfort and his ability to speak. In Cyrano I found the playful, cheeky and cheerful tone of its extreme ability to “pull the sword” and his great romance. Precious, to me, was able to bring to the scene a character that can make you smile, think and engage. Affects very versatility with which manages to change voice, modulation and tone according to the requirements. You can see very well the movements “dancing” of the actors and the show never mentions having movements rather break the rhythm becomes very urgent and intense. I do not know whether this interpretation is the best but I know for a fact that I found it “one of the best.” A well-deserved praise also goes to the guys who accompany Alexander staging. I found them much improved, and above all much more exciting than it had been in Florence. They are often a bit ‘ignored but I think it is fair to recognize their commitment and their passion. I hope that those who will have the opportunity to be able to see or appreciate the skills, enthusiasm and passion. Every now and then I think it is right to go beyond the outer beauty and try to understand what you want to get to the public. Alessandro think it superfluous to compliments. E’indubbia his talent and I hope that this show will be one of the many “experiences of living and working” that can enrich today making it better in the future.
A hug to everyone! ‘

| Report of Beatrice: Cyrano De Bergerac 08/01/2013 GORIZIA

“It ‘was great, I was excited very much one of those moments to remember for a lifetime … entratro Ale is not just on stage, but I recognized his voice that came from behind the scenes … and since it appeared not I removed his gaze for a moment, he with his passion, beauty and talent .. at one point it was as if I looked, I had the chills .. (It is a pride for our country .. not many carry out his work with such dignity, passion and skill … especially nowadays.) At the end of the show I was able to get me to do un’autografo that she also custom was cute, sweet … then I touched my nose and said, and “you little one.” IO I had my heart in my throat, and he looked at me with those eyes … so I was in heaven. However, I realized my dream to see him … and I’m happy stra! This is my experience! “

| Report of Laura: Cyrano De Bergerac 14/12/2012 PISA

“Assuming the fact that I am a big fan of Alexander, from an early age (I was barely six years old when he began to do” live “and already there looking enchanted.) Of him I have kept photos, newspaper articles, posters. .. in short, everything! But I never got to see it up close. well, but I have imagined this moment for 14 years, I figured when I discovered that a stage of Pisa … Cyrano was a heart attack for months I had different expectations, I was wondering how it would be, I thought disappointing. when the curtain opened I have realized that I would have liked, when Cyrano came on the scene I was completely entranced. were intense and fast two hours, I have been following with almost breathe. Well, Alexander is … divine! a scenic estate crazy, voice changes constantly, jump, sing, keeps you on your toes. the finale was the scene I most favorite spectator but I did not feel part of the show . Well, the best part came after, though. could not miss an autograph, right? She had been running all night on that stage, I expected it would send us away because he was tired. And I was wrong! I not only did the ‘autograph but also gave me a kiss on the cheek! well, a unique experience, a unique show, an actor … VOTE TEN unique and modern “

| Report of Franca : Cyrano De Bergerac 5/02/2013 ROMA

“As promised here I am to tell my Cyrano has … the show is great, Alessandro is fantastic I had not ever seen in the theater was the first time, but I have to say that it is overwhelming (even though I had no doubt), it is is heard before his voice, and after a few seconds came on the scene, I was beside my friend, I practically killed an arm stringendoglielo, I was so excited. The changes in his voice, his way of moving, and all the actors playing with him are very good, the scenery changes, they were all very good, but I will not tell much it would take away the surprise for those who will go see it. I must say that the time has flown and the last scene I thought, “No, it’s already finished!”. In the end we left me, my friend, who by the way is 7 months pregnant and my son’s girlfriend came and went where artists, in a moment I arrived many fans, as we opened the door we inserted everyone was very tight, but eventually Alexander came out greeting everyone, but when he saw my friend with her belly made her put one hand went to greet the others and then came back to us, asked us to wait a minute, came out with his hat and made me an autograph on his photo, we took pictures with him and asked please not to put them on facebook, came out with us, greeted other people who were outside and went away with my eyes that followed him. He was really helpful, he really is a BIG! Beautiful evening to remember!”

| Report of Alice : Cyrano De Bergerac, ROMA

“Have spent the past three weeks from the day in which I had the honor of attending a wonderful show: “Cyrano de Bergerac”. It was immense emotion, absolute; still hear the echo of the extraordinary in me feelings that vision.

Masterful interpretation to Alessandro Preziosi: I regret to point out that few are aware that he owes his career to the theater. It is obvious that the doors of success have been the wide open thanks to fiction and TV series transmitted by television, or films directed by great directors, but it is in the theater that was born of her talent. Such is his ability to entertain the audience and his unquestionable experience in the dive every time the characters are always different, I would consider one of the best actors that Italy has today. In addition, this allowed him to take the reins of the scene and to assume the role and the responsibilities of a director.

With regard to the directorial choices no doubt about it: it was amazing. First, he had the courage to remove once and for all the well-known “nose”. As well explained in various interviews, to interpret it is not necessary indossarne Cyrano nose: the viewer is able to imagine the nose, to perceive it without seeing it, so conceiving the deep sense of inadequacy experienced by Gascon, not so much physical level, as to the moral. The beautiful Preziosi has been able to see the “fateful nose” do not appear: he created a perfect game of illusion. About the text, the translation fantastic implemented by his friend Thomas Mattei made fluid, moving, funny and dramatic, but also understand the whole performance and the complicated plot. The prose alternating with verse has meant that the poetry engraved in the work proves even more evident. The poem itself has become the undisputed protagonist of the poem: Cyrano is simply the best way to give voice to the romantic poetry. Rossana, respectable character and of extraordinary beauty, can not crown the love of his cousin, since it is the height of Poetry: it is the only one to have Cyrano. Christian in all this is the perfect puppet who can neither love nor imagine the power of poetry in hand, even in the mouth, to Cyrano. Really excellent choice Danish actor, and all very good, thanks to its particular decision makes more explicit the difficulty in communicating who he is and who he is in love. As well said Alessandro Preziosi, the “Cyrano” is the drama of the inadequacy, more moral than physical: Cristiano does not know to be loved for what it is, Ross is unable to figure out who loves Cyrano is unable to accept himself and does not allow one to gain acceptance from others. This message appeared very clear in the show I attended. Great the rest of the company that is truly the height of the neo – director. Equally perfect costumes, but especially the design: simple, basic, but complete and effective. Always the same but always different. I especially enjoyed the performance of the blood of the slain soldiers carried out through a cloth illuminated by a red light: It was the most intense moment of the whole representation. Screenplay equally fantastic, especially with regard to the fighting and the famous balcony scene. The only defect is the music. As a musician I feel compelled to put a slight criticism: I liked the background addictive that accompanied the sword, but I trussed entirely unsuitable choice of modern pieces and in no way contestualizzabili the setting.

Excellent stage presence Preziosi. I was sure that an actor as good as him I would not be disappointed, but I never expected to find an artist so complete. It has a multi-faceted equal to that of Ulysses. Not only is able to descend into various characters and different from each other, but the same Cyrano seemed to have many faces. Really an actor with infinite resources. Impressive skill with which knows how to change voice! My favorite scene, not considering of course the final, was one in which Cyrano had to entertain the ladies, who wanted the hand of the beautiful Rossana, so that his cousin and his beloved to marry undisturbed. Cyrano sudden a man came from the moon and Alessandro enchanted me with his voice took on a tone and a way of speaking that seemed truly a man from outer space. The positions and behavior were made to think of a creature on earth. He sported typical qualities of comedian that I would never have given. Not to mention the last scene: enchanting. A succession of alternating dramatic comedy, accompanied by a fine irony. He was able to play a character who does not give up even before death: Cyrano fights standing hacking away not so much with the sword, as with his favorite weapon, the soul of a poet. Who would have the courage to challenge, to laugh in the face of death, ridiculing and making her feel inferior to the fact that, despite being poised to win with all the great enemies of Cyrano, she does not have what makes him prouder than anyone else : his white plume. A drama that slides off lightly and that grace to the last bar, ends with a smile, a comic linked to a subtle irony: only an actor of considerable thickness can be closed in one body, one soul, in same instant drama and comedy with so much elegance and dexterity. This is called great actor Alessandro Preziosi.  Alice”

| Report of Aglaé : Cyrano De Bergerac AGRIGENTO

“I saw with much pleasure and so much emotion to the vision of the show and the meeting organized with the public. 18:00 am on the dot, it’s raining and I’m in the foyer of the theater Pirandello, this is where the meeting takes place with the students. already known at some classes of high school students, in addition to some classes of high school, Alexander is speaking with reporters.

I and the person who came with me take place among the students and their teachers ….. is an evening of “lively” a foyer “lively”! The cameras take over part of the meeting talking about the craft, drama and Cyrano. Alexander presented the actors of the company, which also involved with certain operations.

Follows the play. . . Cyrano is evident in the sphere of sentiments, the temerity, the drama of its proud existence, marked by the ever not bend to mediocrity and conveniences at all costs. Cyrano admired and feared for his infallible sword and his witty sayings and sharp, being afflicted with a monstrous nose does not have the courage to express her cousin Rossana his love for her. Irresistible and vital creativity he loves to ridicule his enemies with the extraordinary ability of the sword, legendary as much as the tongue, between the gags and puns, reaching the highest peaks of poetry. In Cyrano is the heroic strength and dignity of a man who faces death head-on, by Gascon, an inability to love as seen from the point of view of the inadequacy, the epic nature of such feelings as love, ‘ friendship, the consistency of the choices …. Cyrano is bold, it is a puppeteer. In this revision becomes deeper: the ugliness is not aesthetic but moral. Cyrano has to deal with a harsh reality, with the judgments of society, with the world that does not accept the flaws and differences and makes bad tempers. Thanks to Alessandro for being here, Agrigento always waiting for you, come again!

Reports taken from our Facebook page, a special thanks to all the users who wanted to share with us their impressions.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...